andrea-caponera-design

accessimg

Quattro semplici modi per migliorare l'ottimizzazione SEO del tuo sito:

Imparare a conoscere .htaccess ed impostazioni lato server per migliorare il punteggio SEO.



Cos’è un file .htaccess

l file .htaccess (acronimo di Hypertext Access) è un file di testo direttive del webserver Apache per configurazioni che permettono di utilizzare comandi che riguardano directory file, gestione degli errori, scelta della versione PHP, reindirizzamenti (utile quando gli utenti digitano l’indirizzo URL senza il classico www), protezione delle images dall’hotlink ed altro. Un file htaccess lavora all’interno della cartella nella quale si trova, quindi se posizionato nella cartella principale del server, interviene su tutto il sito, a meno che ciascuna sottocartella non disponga di un proprio file .htaccess.

Come creare un file .htaccess
Rinominare un file htaccess.txt in .htaccess su Windows fallisce poiché su tale OS non è possibile creare file che iniziano con il punto e senza estensione. Procedere allora in questo modo: Rinominare il file in .htaccess. e dare il consenso, in questo modo il file sarà rinominato in .htaccess: inserendo il punto alla fine del nome il sistema operativo penserà che il nome del file sia .htaccess, quindi eliminerà l'ultimo punto facendo ottenere il risultato desiderato.
Una volta caricato il file .htaccess potrebbe non funzionare, poiché non tutti gli hosting provider ne consentono l’utilizzo.

Abilitare la compressione GZip su server

GZip è il metodo di compressione più utilizzato per i file JS, CSS, HTML etc. e permette di migliorare la velocità di apertura del sito.
Per abilitare la compressione GZip (Enable Gzip Compression) si deve aggiungere nel file .htaccess il codice sottostante che permette di configurare il modulo mod deflate.



access

Un’altra tecnica per migliorare la velocità ed il peso dell’intero sito, è intervenire manualmente sulla compressione lato server, basta entrare nella sezione personalizzazione del file PHP.INI, poi su zlib.output_compression e impostare il comando su “On” (Non tutti i server supportano questo comando).

Abilitare la cache del browser

Attivando la cache del browser è possibile specificare per quanto tempo il browser dei visitatori deve consultare i file che ha in cache prima di scaricarli nuovamente dall’hosting. In quest’esempio le images, i file JavaScript, i CSS hanno una scadenza di 30 giorni (2.592.000 seconds).

cashing


Impostare la versione di PHP più performante

Anche la versione di PHP che si usa può determinare le prestazioni del proprio sito, è sempre meglio impostare l'ultima versione di PHP disponibile dopo essersi accuratamente accertati che sia compatibile con gli script utilizzati sul sito: (plugin, temi etc.). Questa operazione è possibile farla lato server, agendo all’interno delle impostazioni del server hosting scegliendo l’ultima versione PHP (le procedure si diversificano in base all’ hosting di proprietà.)



Andrea Caponera Web Designer

Per scaricare l'articolo in PDF puoi registrarti sul mio sito oppure effettuare il Login

Oppure condividilo e scaricalo Articolo in PDF



Torna in Archivio